var _iub = _iub || {}; _iub.cons_instructions = _iub.cons_instructions || []; _iub.cons_instructions.push(["init", {api_key: "QLmdduIqe1Dwsbtue8Gt6WLL8DXNBsbI"}]);

il primo magazine sulla sostenibilità applicata

Sabato 31 marzo, in occasione dell’Ora della Terra dalle 20.30 alle 21.30, scollegati da Facebook e Twitter, spegni pc, tablet e smartphone.

Aiuterai a ridurre l'impatto ambientale. Se si usa il parametro delle emissioni nell’atmosfera per cui ogni ricerca su Google vale 0,02 grammi di CO2, possiamo renderci conto che anche astenersi per un’ora dall’amato social aiuta il pianeta.

Se facciamo un esempio concreto, possiamo facilmente calcolare che se tutti i lettori di Metro (che ha promosso l’appello) nel mondo si scollegassero per un’ora ci sarebbe un risparmio di emissioni di circa 30mila chili CO2, pari all’impatto ambientale di sei persone in un anno.

Pochi? Ma proviamo a moltiplicare per l’utenza globale dei social e vedrete che diventano un piccolo esercito!

Un'ora della terra...in meno

0
0
0
s2sdefault

Dalla chiocciola al green building


Architettura Sostenibile


di Isabella Goldmann
e Antonella Cicalò

Un libro a cura di

MeglioPossibile


per conoscere e riconoscere l'architettura del futuro

Edizioni FAG Milano

vai ai dettagli